L’Associazione

Che cosa rappresenta l'Académie d'Art Choregraphique a Verona?

È in primis una scuola di danza classica, ma che si pone l'obiettivo di formare allieve e allievi di qualsiasi età al mondo fantastico della danza intesa in senso globale come educazione del corpo e dell'anima. Trent'anni di professione come danzatrice classica e molti anni di insegnamento in Italia e in Francia, nel 2005 Rossana Sechi a Verona decide di dar vita all'Académie d'Art Choregraphique. La scuola di danza per un allievo deve essere un vero patrimonio formativo, che gli assicuri il corretto sviluppo fisico e che con la cosciente applicazione didattica del programma di studio e la disciplina, lo educhi nel corpo e nella mente, coltivandone il senso artistico e avviandolo a una crescita culturale che rimanga al di là del risultato professionale. Basandosi su questa concezione l'Académie d'Art Choregraphique offre sia un percorso professionale con lezioni quotidiane impartite da insegnanti diplomati, preparando gli allievi alle accademie nazionali ed internazionali, sia percorsi adeguati ad ogni tipo di esigenza per coloro che vogliano avvicinarsi alla danza. Insegnanti ed artisti di fama internazionale quali Renato Zanella, Myrna Kamara, Giulio Cantello  e molti altri, collaborano attraverso stages, workshops e lezioni alla crescita artisitica degli allievi.

Produzioni dal 2005 ad oggi sono: Lo Schiaccianoci, Coppelia, La Bella Addormentata nel bosco. Cent'anni sotto le stelle (dedicato al centenario del festival areniano). Gli spettacoli di repertorio coinvolgono tutti gli allievi e le discipline di studio della scuola: classico, carattere e contemporaneo.

Una #Vita per la #Danza - #RossanaSechi

Una vita per la danza Rossana Sechi, fondatrice e direttrice artistica dell’Acadèmie d’Art Chorégraphique di Verona, ci parla della danza raccontando la sua storiadi ballerina[…]

#MUSEODELLARADIO #PORTANUOVA #VERONA

Inaugurazione ‘MUSEO DELLA RADIO’ PORTA NUOVA VERONA. ACADEMIE JUNIOR BALLET VERONA . VICTORIA PESCE. COREOGRAFIA FRANCESCA BENEDETTI   qui potete vedere il video:   Il museo[…]