Yelena Lyrtchikova

Yelena Lyrtchikova
Yelena Lyrtchikova
Questo non è il resoconto di un viaggio!

E’ il viaggio dentro il DNA di una bambina che, già nell’età della ragione ovvero a circa a tre anni, ha deciso ed ha fortemente voluto tutto quello che in seguito ha realizzato: diventare una ballerina classica.

Le doti certamente le possedeva dentro di se, ma il percorso e la crescita professionale sono stati difficilissimi.

La giovanissima età, la lontananza da casa, la severità dell’impegno, hanno avuto il loro peso ma non avevano ancora fatto i conti con le qualità della “bambina”.

La determinazione, la cocciutaggine, la pervicacia.. le lacrime ed il sangue … hanno determinato il risultato che lei stessa si era prefissata: essere ballerina classica, non una banale ma… una ETOILE.

e… finalmente… la farfalla aveva spiccato il volo!

 

Diverso, ma non per questo meno coinvolgente ed interessante, il percorso artistico di Rossana.

Forse meno balletto, ma un’innata volontà ferrea di costruire qualcosa che veniva percepito come elitario.

Ma era “arte” tra le “arti”.

Il balletto classico, alla portata di tutti, cosicchè tutti possano esprimere il loro potenziale: questo è l’obiettivo.

L’arte… al servizio di tutti.

 

Fu così che quando ebbero modo di incontrarsi, non ci fu bisogno di presentazioni fu empatia allo stato puro.

Un ineccepibile sodalizio ricco di voglia di danzare e di consapevolezza di trasmettere a tutti gli allievi il “pathos” che la danza classica si appropria di te e ti divora dentro.

Mettersi al servizio con umiltà per far crescere in modo armonico, ma severo, una disciplina che ti completi  e che ti aiuti ad evolvere in tutti i sensi… fisicamente e moralmente.

Non tutti ci riescono e … anche quelli che non ce la fanno fino in fondo… si sentiranno comunque appagati perché i sacrifici che Yelena e Rossana richiedono, serviranno come educazione del proprio corpo e come educazione della propria mente costruendo insieme un piacevole ed indissolubile ricordo.

Ecco, questo è lo scopo che si deve raggiungere… che si è raggiunto… che si raggiungerà insieme.

La consapevolezza di aver attraversato, vissuto, di far parte… di un mondo “speciale” che richiede severità, duttilità, apprendimento, lacrime e sangue ma si sa far apprezzare per il solo fatto di avertene reso partecipe.

Se pensi di essere pronto/a siamo qui